Maria Grazia Pezzetto

Dal 1995 al 1998 frequenta la scuola del “Teatro delle Dieci” di Torino, diretta da Massimo Scaglione. Dal 1997 al 1998 partecipa alle produzioni di Accademia Attori, diretta da Sergio Chiorino e Silvia Derossi. Nel 2001 vince, assieme a Franco Miele e Paola Malanetto, il 1° premio al concorso “Attimi di Palcoscenico” (Rivoli), con un brano tratto da “L’importanza di chiamarsi Ernesto” (O.Wilde). Sempre nel 2001 vince al concorso “Prendiamo la parola” (Venaria), insieme a Paola Malanetto e Franco Miele, il premio come miglior compagnia e premio comune di Venaria, con un brano tratto da “L’importanza di chiamarsi Ernesto” (O.Wilde). Presente come attrice nel cortometraggio “Una notte senza luna” (episodio di “La verità non è una sola”), realizzato dalla Kinikinino di Torino, diretta da Brunella Audello e Vittorio Dabbene. Nel 2002 vince il premio come miglior attrice al Festival Nazionale di Teatro (Taranto). Nel 2012 partecipa a “La stagione dei gusci di noce”, cortometraggio scritto da Ilario Blanchietti e diretto da Andry Verga. Dal 1998 ad oggi è componente del gruppo Esperimenti Teatrali ed è nel cast delle precedenti produzioni (“Rumori fuori scena”, “L’importanza di chiamarsi Ernesto”, “Il Campiello”, “La vita che ti diedi”, “Domani sarà tutto finito”, “Il Tacchino”, “Il Borghese gentiluomo”, “Camere da Letto”, “Tutti pazzi per Amleto”, “Nozze di sangue”) e in quelle attuali (“Pagine Bianche“, “Il Mistero dell’invenzione della Croce“, “A che punto è la notte?“, “Le Facce del Male“, “George Dandin, il marito beffato“, “Rumors“)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *